Intelligent Diabetes AMD logo

Video introduzione di Nicoletta Musacchio

DOBBIAMO TROVARE IL MODO DI:
VALORIZZARE LA NOSTRA PROFESSIONALITÀ
E
DIALOGARE/COLLABORARE PIÙ EFFICACEMENTE CON LE ISTITUZIONI

È un periodo di grande confusione.
L’impressione di tutti noi è che sia poco chiaro quello che davvero facciamo di specifico e il valore che rappresentiamo.
Questo genera un enorme problema, soprattutto sul riconoscimento della nostra professionalità nei LEA, all’interno dei quali non sono riconosciute molte delle nostre attività più specifiche, obbligandoci a una ‘clandestinità’ di azione: questo ha anche prodotto una banalizzazione della diabetologia.
Perciò, vogliamo lavorare per dialogare e collaborare più efficacemente con le Istituzioni.

ABBIAMO PERTANTO DECISO DI FAR PARTIRE UN PROGRAMMA DENOMINATO ‘DIABETES INTELLIGENCE’ (DIA&INT), DI CUI ABBIAMO REGISTRATO IL MARCHIO, E CHE DOVRÀ AIUTARCI A FARE UN PERCORSO CONCRETO VERSO UNA DIABETOLOGIA MODERNA

Possiamo affrontare questo momento di crisi trasformando un problema in un’opportunità di cambiamento, con un grosso salto in avanti.

Cosa ci serve, quali sono gli ambiti d’azione specifici:

PER OTTENERE QUELLO CHE CI ASPETTIAMO DA DIA&INT,
CI SERVONO MOLTI DATI

La prima scelta che abbiamo fatto è stata quella di puntare all’ottenimento di dati validati da un’intera categoria professionale, invece che opinioni espresse da piccoli gruppi di opinion leader che, per quanto di spessore, restano opinioni che nascono da una propria esperienza personale.

Capite bene che questa scelta ci consentirà di ottenere un reale prodotto di valore, quanto più numerosa sarà la vostra partecipazione.
La posizione di ognuno di noi permetterà di produrre il pensiero e la posizione collettiva della nostra comunità scientifica, unita.

COSA VI CHIEDO DI FARE: "ESSERCI", DATECI IL VOSTRO CONTRIBUTO COMPILANDO I 3 QUESTIONARI CHE TROVATE IN QUESTO PORTALE

Qui, nell’area riservata ai medici, troverete 3 questionari:

  1. Quello della matrice d’impatto
  2. Quello della frequenza
  3. Quello della specificità

La compilazione vi porterà via un po' di tempo, mezz'ora o poco più: ma i dati con cui contribuirete SONO ALLA BASE del nostro "curriculum certificato", dal quale deriveremo il nostro Manifesto di Categoria.
Vi chiedo pertanto di compilare con attenzione, piuttosto che inserire dati frettolosamente e senza pensarci, non compilate i questionari.

A cosa servono, nello specifico, i 3 questionari.

Il questionario della MATRICE D'IMPATTO ci consentirà di identificare, in un MODELLO IDEALE, le attività più importanti fra quelle che svolge il team diabetologico (il team, non il singolo diabetologo): attività più importanti in base al loro maggiore impatto sugli outcome complessivi della diabetologia.

Il questionario sulla FREQUENZA ci consentirà di fare la fotografia di ciò che REALMENTE RIUSCIAMO A FARE. Attenzione: l’obiettivo non è di controllo o di rendicontazione! È bensì quello di capire quali attività riusciamo a fare davvero, nonostante tutto, nella nostra realtà quotidiana.
Il confronto fra il Modello Ideale (risultati della Matrice d’Impatto) e la fotografia della nostra quotidianità (Frequenza), ci fornirà una base di discussione per il dialogo con le Istituzioni.

Il questionario sulla SPECIFICITÀ servirà a completare il quadro, chiarendo anche quali siano le nostre competenze distintive.

Perciò… BUON LAVORO!

Facciamo squadra, perché l'unione fa la forza, e ricordate che l'impegno che vi chiedo è necessario per ottenere prodotti "evidence" e per partire col piede giusto.